Stampa
Categoria principale: 3.2 Risorgimento
Categoria: 3.2.2 Unità d'Italia
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

         Questo interessante saggio di Maria Montesano che per ragioni pratiche e per questioni legate al rispetto delle norme sul diritto di autore pubblichiamo solo in parte, tratta degli accadimenti svoltisi nelle settimane che precedettero e portarono al contestato plebiscito del 21 ottobre del 1860, ovvero all’annessione delle Province Napoletane al Regno di Sardegna e a casa Savoia.

       Mentre infatti si invadeva Marche e Umbria e si inviavano nel napoletano ben quattrocentomila uomini, Cavour promulgava - con particolare scaltrezza - il plebiscito che …..” non chiedeva al popolo meridionale se fosse disposto o meno ad annettersi subito e sine condizione al Piemonte ma chiedeva soltanto se esso desiderasse l’Italia Una e indivisibile sotto lo scettro di Vittorio Emanuele II.

           “ Il popolo d’Italia”, in quegli stessi giorni, così pubblicava :

“……Il sistema delle annessioni ci lega a sudditanza col Bonaparte, concede le nostre sorti al capriccio della democrazia, nega il concorso del popolo …..finisce per impedire l’unità nazionale imponendoci condizioni di smembramento, sanzionando lo straniero nel paese, perché qualunque nome porti è sempre straniero Nizza, Roma, Venezia convalidano i nostri asserti…..”

          Questo breve articolo, estratto dal più corposo saggio di Maria Montesano, documenta e ci da testimonianza di ciò che accadde nelle terre d’Irpinia e Sannio in quei giorni che precedettero e seguirono il plebiscito del 21 ottobre 1860.

 

*  *  *

Sannio Irpinia pag1

 

La regola generale della legge sul diritto d’autore stabilisce che un’opera diventa di pubblico dominio dopo 70 anni dalla morte dell’autore. E’ comunque sempre vietata la fotoriproduzione di opere di pubblico dominio per fini commerciali e di sfruttamento economico. Secondo l’art. 70 di questa legge “…il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini (15% di un libro o fascicolo di rivista, escluse le pagine di pubblicità) e se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica…….” La riproduzione di questo "estratto" non ha fini di lucro né fini commerciali e viene proposta ai lettori di altavillahistorica per il solo uso di studio personale.

Visite: 2828