Stampa
Categoria principale: 0.1 Fonti antiche
Categoria: 0.1.2 Dominazione Angioina (1266 - 1442)
Visite: 1865

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Stemma AngioinoDominazione Angioina

  Frammenti . Cronologia

 ( Miscellanea )

Data

Fonte

Testo del documento

1266 - 1267

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 1°, pag. 43, fr. 64

(Filangieri Riccardo)

- (Stefano di Giovanni de Palerano è nominato notaio in Altavilla per la indizione X). (Reg. 40, f. 9, t.).

Fonti: Notizia presa da F. Scandone (come riportato sul testo)

1267

9 gennaio

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

– E’ nominato notaio di questa terra (Altavilla detta, anticamente, beneventana, per distinguerla dall'omonima del Principato Citra, detta salernitana) Stefano di Giovanni di Palerano

1268 - 1269

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 1°, pag. 215, fr. 101

(Filangieri Riccardo)

- (Carlo I ordina al Giustiziero di Principato di restituire ai mutuatori di Altavilla le dieci once d’ oro, che essi avevano dato a mutuo alla R. Corte. « Datum in obsidione Lucerie, XX maii, XII ind. »). (Reg. 4, f. 51, t.).

Fonti: Scandone, I comuni del Principato Ultra, in Samnium, V, p. 272 (not.)

1268 - 1269

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 1°, pag. 274, fr. 316

(Filangieri Riccardo)

- (« Symoni Bagot, militi, familiari, executoria concessionis Castri Alteville, in excambium castri Arpadii », già concessogli e da lui rifiutato (e concesso a Guglielmo de l’ Etendard), a condizione che le rendite del nuovo feudo non dovessero superare le 20 once d’ oro, compresi i beni in Aversa, che furono del ribelle Unfredo de Rebursa ed erano stati allo stesso Bagot concessi). (Reg. 4, f. 179, t.).

Fonti: De Lellis, Notam., I, f. 94; Del Giudice, Cod. dipl., II, P. I, p. 270, nota; Repert. 14 ; Scandone, I comuni del Principato Ultra, in Samnium, V. p. 272 (not.).

1268 - 1269

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 2°, pag. 191, fr. 61

(Filangieri Riccardo)

- Karolus etc. Scriptum est in forma consueta pro Simone Bagot milite, cui castrum Altaville, situm in Iustitiariatu Principatus et Terre Beneventane, bona etiam omnia, tam pheodalia quam burgensatica, que Thomasius Carraffa in Neapoli Aversa et Acerris, nec non et ilia bona, que Umfridus de Rebursa, proditores, in Aversa et pertinentiis suis, excepto casali Octayani, tenuerunt, cum hominibus etc. ac domum, quam Corradus Capice proditor in Neapoli habitabat, pred. Symoni et heredibus suis..., et tantum etiam de bonis Marini et Corradi Capicis, proditorum domini Regis, que habuerunt in Neapoli et Aversa, unde sibi in puris et meris redditibus unce suri X perveniant annuatim, donavit dominus Rex... in pheudum nobile, iuxta usus etc. ... Investientes etc. Actum in domibus Vi­varii Sancti Laurentii prope Fogiam, presentibus Petre domino Bellomontis, Comite Montiscaveosi, Regni Sicilie Carcerario etc., Roberto de Lavena et Raymundo juris professoribus, Ioscelino de Marra, Magne Curie nostre Mag. Rationali et quampluribus aliis. Datum a. D. MCC sexagesimo nono, mense junii, die XIII, ind. XII, Regnante dom. Carolo a. IV. (Reg. 4, f. 11, t. e 12).

Fonti: Del Giudice, Cod. dipl., II, P. I, p. 309, sg. (trascriz.); Reg. di trascriz. cit., ff. 27-29; Minieri Riccio, Alcuni fatti ecc., p. 54 (not.); De Lellis, Notam., I, f. 53 (trans.); Scandone, Icomuni di Principato Ultra, in Samnium, V, p. 272; Repert. 10, f. 1; Re-pert. 14; Repert. 28, f. 157, t.

 

1269 - 1270

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 3°, pag. 102, fr. 66

(Filangieri Riccardo)

- (Re Carlo ordina che Filippo Bagot, succeduto al padre Simone nei feudi, tra’ quali è Altavilla, avendo già prestato il ligio omaggio, sia messo in possesso di quei feudi ed abbia l’assicurazione dai vassalli. Datum Capue, XXVIIII martii XIII ind.). (Reg. 5, f. 28).

Fonti: Scandone, I comuni di Princ. Ultra, in Samnium, V, p. 273; Id., ms. in Arch.; Chiarito, Repert. cit., f. 259, t., che riporta per errore « Hugot » per « Bagot D.

 

1269 - 1270

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 3°, pag. 110, fr. 95

(Filangieri Riccardo)

- (Philippo Bagot, filio quondam Simonis, assecuratio vassallorum per obitum dicti eius patris. Tra’ feudi è Altavilla. Datum Capue XXIX martii XIII ind.). (Reg. 5, f. 36, t.).

Fonti: De Lellis, Notam., I, f. 114, comunicato da F. Scandone; Scandone, ms. in Arch. (ove si cita Altavilla); Chiarito, Rep. cit., f. 266.

 

1269 - 1270

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 3°, pag. 114, fr. 115

(Filangieri Riccardo)

- (Mandatum quod informetur Curia de medietate Montisfredani, que consuevit esse in demanio domini Atripalde; item alfa medietas ditti castri Montisfredani detinetur a Rogerio Balduino, per quod tenetur asse-curare dominum Atripalde. Item castrum Cepaluni, quom modo tenet Guerrerius de Montefuscolo, spectat ad baroniam Montisfortis. Item castrum Alteville, quod tenet heres Simonis Bagot, spectat ad baroniam Montisfortis. Item dominus castri Sancti Angeli et Caprilis tenetur facere homagium dicto domino Montisfortis. Item dominus casalis Lieti et Mugnani debet facere homagium dicto domino Montisfortis. Item dominus castri Prate tenetur ad homagium eidem domino Montisfortis. Datum Capue, IIII februarii XIII ind.). (Reg. 5, f. 40, t.).

Fonti : De Lellis, Notam., 1, f. 116; Chiarito, Repert. cit., f. 268, t.; Scandone, ins. in Arch.

1269 - 1270

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 5°, pag. 187, fr. 3

(Filangieri Riccardo)

- Karolus etc. Per presens scriptum notum facimus... quod Symon Bagot... mil. etc., in nostra... presentia, ... de consensu et voluntate nostra et Philippi primogeniti eius... testamentum condidit in hune modum, vid. quod dictus Philippus... in terris et possessionibus ac bonis omnibus sitis in Aversa..., que fuerunt Anfredi de Rebursa proditoris..., nec non castro Alteville, ... in Iustitiariatu Principatus, ac in nova domo que fuit Marini Capicis proditoris... in Neapoli; item quod Symon Bagot, f. ditti Symonis in terris possessionibus et bonis... aliis que fuerunt Thomasii Carachuli... in Aversa et Acerris... ac nova domo... Thomasii... in civitate Neapolis...; item quod Petrus Orlandi nepos eius in XXX unciis auri annui redditus p. g. quas dictus Symon habet super bonis quorundam proditorum in Aversa, consistentibus in domibus vineis etc. ..., castrum et bona... eidem Symoni... per nostram Maiestatem donata; tamquam legitimi heredes succedant post mortem eius. Ac ordinavit... quod dictus Petrus nepos eius dictas... uncias annui redditus... teneat... etiam Symone dicto vivente. Quam ordinationem dictus Symon et eius primogenitus super sancta Dei Evangelia iuraverunt... observare... Presentibus testibus... ven. patre G. Archiepiscopo Cusentino. Roberto de Laveno iuris professore, Symone de Regibayo, Regni Sicilie Mag. Iustitiarii vicem gerente, Iohanne de Mesniliis, Archidiacono Panormitano ac prothocappellano nostro, Petro Farinelli... eier., mag. Bernardo de Littera, Petro de Baiocis et Petro de Latyera nostro in Romana Curia procuratore... In cuius rei etc. ... Datum Neapoli XV octobris XIII ind. (Reg. 6, f. 1, t.).

Fonti: Del Giudice, Racc. mss. pr. Monti, XIV, f. 23, t. (trascriz.); Scandone, I Comuni di Princ. ultra, in Samnium, V, p. 273 (trans.); De Lellis, Notam., VI, f. 145, pubbl. in Arch. stor. Campano, II, P. I, p. 108. Lo Scandone rip. « Tommaso Caraffa » anzichè Caracciolo. Nel ms. del Del Giudice si legge « Petro de Laoyra » anzichè « Latyera ».

 

1269

18 maggio

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- In cambio del castello di Arpaia, restituito alla Regia Corte, e subito riconcesso a Guglielmo de l'Etendard, re Carlo I concede, a Simone Bagot. la terra di Altavilla beneventana, con una rendita non superiore alle 20 once di oro. In tale somma erano computati anche i beni, concessi al Bagot, del proditore Unfrido de Rebursa, siti in Aversa.

1269

20 maggio

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- II re dal campo “in obsidione Lucerie”, ordina al giustiziere di restituire all' università di Altavilla il mutuo di 10 once, fatto alla Regia Corte

1269

13 giugno

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Al milite Simone Bagot, o Baquiot, sig. di Altavilla, si concedono altri beni, in Aversa, Acerra e Napoli del fu proditore Tommaso Caraffa; quelli di Unfredo di Rebursa, eccetto Ottaiano; ed inoltre un terzo dei beni, gia appartenenti ai proditori Marino e Corrado Capece, insieme con la casa, in cui questi abitava, in Napoli .

1269

15 ottobre

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Si approvano le disposizioni testamentarie di Simone Bagot, testè defunto. — Il primogenito, Filippo, succede nella signoria di Altavilla e nei beni, siti in Aversa, già del proditore Anfredi di Avella, e nella casa del proditore Marino Capece, in Napoli. Il secondogenito, di nome Simone, succede nelle terre poste in Aversa ed Acerra, confiscate al proditore Tommaso Caraffa, e in una casa, in cui questo milite aveva abitato, in Napoli. — Al nipote, Pietro di Orlando, sono lasciate in legato 30 once di annua rendità sopra altri beni di proditori, siti in Aversa .

1270

29 marzo

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Si ordina al Secreto d' immettere, con regolare investitura, nel possesso dei feudi paterni, Filippo Bagot, che gia aveva prestato alla Regia Corte il giuramento di ligio omaggio.

1272

21 novembre

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- E’ nominato mastrogiurato di Altavilla un Giovanni di Morcone

1272 - 1273

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 9°, pag. 170, fr. 282

(Filangieri Riccardo)

- Similis pro Martino Pauli de Alberto, notario in terra Altaville. (Reg. 15, f.89).

Fonti: Scandone, ms. in Arch.

1272 - 1273

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 9°, pag. 173, fr. 311

(Filangieri Riccardo)

- (Nomina Giovanni di Morcone mastro giurato di Altavilla), XXI novembris. (Reg. 15, f. 97)

Fonti: Scandone, O. c., in Samnium, V, p. 273.

1274 - 1275

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 12°, pag. 66/67, fr. 210

(Filangieri Riccardo)

(Iustitiario Principatus mandat ut personas infrascriptas compellat ad solvendum R. Curie pecunie quantitates, quibus tenentur pro officiis ab eisdem gestis in a. XII ind., vid.: lohannem Marchisanum mil. de Salerno, cabellotum eiusdem civitatis; Aldimagnum, iudicem Andrette; Anselmum, iudicem Carbonarie; Robertuin de Avellino, notarium in Surrento; Iohannem Raspacapum et Gervinum, iudices Montorii; Thomasium Maratiam et Guillelmum Alberti, iudices Avellini; Iohannem Ronicum (Rovitum?), iudicem Altaville; Riccardum Alamannum de Guardia Lombardorum, iudicem ipsius terre; Nicolaum de Calitro, notarium in eadem terra; Oddonem de Caprignano, iudicem Calitri; Iohannem de Perotto, iudicem Montefredanis, Dauferium de Montemarano„ notarium in Salerno; Mattheum ludicis Riccardi, de Monteforte, iudicem eiusdem terre; Thomasium Iudicis Andree et Guillelmum de Donando, iudices Montisfortis). Dat. Precine, XVII decembris III ind. (Reg. 21, f. 221, il 1°.).

Fonti: Scandone, I comuni di Princ. ultra, in Samnium, sotto i nomi dei vari comuni; Chiarito, l. c.; Sicola, l. c.

1275

1 dicembre

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Al procuratore di Principato si ordina di versare subito alla Regia Camera le 35 once, che Simonetto Bagot aveva pagate per il relevio delle terre, site in Principato.

1275 - 1276

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 13°, pag. 205, fr. 28

(Filangieri Riccardo)

- (Procuratori Principatus mandat ut statim R. Camere exhibeat uncias auri XXXV, quas Simonectus, f. Simonis Bagot, ei solverat pro relevio Altaville et aliorum pheudorum suorum Principatus). Dat. XIII ianuarii IV

ind. (Reg. 54, f. 72).

Fonti:: Scandone, I comuni di Princ. ultra, in Samnium, V, p. 273; Sicola, Rep. 3, f. 26, t.

1276

13 gennaio

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Si rinnova l'ordine precedente ad istanza di Simonetto, del fu Simone Bagot .

1276 - 1277

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 14°, pag. 165, fr. 198

(Filangieri Riccardo)

- (Mandat ne Simon Bagot miles, dom. Altaville turbet capitulum Maioris Ecclesie Avellini super pacifica possessione cuiusdam molendini in flumine Sabati). Dat. XVII novembris, V ind. (Reg. 27, f. 59, t.).

Fonti: Chiarito, l. c.; Sicola, l. c.; De Lellis, Notam., II, E. 429, in Ms. Scandone; Scandone, I Comuni di Princip. U. ecc., in Samnium, V, p. 100; Minieri Riccio, Ms. in Arch,

1277 - 1278

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 19°, pag. 56, fr. 213

(Filangieri Riccardo)

- (Simonetto Bagot, primogenito qd. Philippi Leonis, conceditur investitura castri Altaville in T. Beneventana et feudalium que fuerunt Unfredi de Rebursa proditoris in Aversa, que tenuit dictus eius pater ex successione qd. Simonis Bagot patris sui, et domus site Neapoli, que fuit qd. Marini Capicis proditoris). Dat. XXII apr. (Reg. 28, f. 85 t.).

Fonti: De Lellis, Notam., vol. lI, f. 471, in «Arch. Stor. Campano “, a. II, P. I, p. 102 (not.); id., Mss. Scandone (not.); Chiarito, 1. c.

1277 - 1278

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 19°, pag. 192, fr. 297

(Filangieri Riccardo)

- (Simoni de Argot mil. fam., committitur procuratio terre Altaville site in Principatu et Terra Beneventana. et bonorum que fuerunt Onfridi de Ripursa, proditoris in Aversa, Simonetti Bagot et filii qd. Philippi Leonis mil,; que idem Philippus tenuit ex successione qd. Simonis patris sui, durante iuventute dicti Simonetti). Dat. XXII apr. (1278). (Reg. 32, f. 206 t.).

Fonti: De Lellis, Notam., II, f. 720, in n Arch. Stor., Campano n, a. II, P. I, p. 103;

id., Ms. Scandone (not.); id., Ms. B. Mazzoleni in Arch.; Scandone, I Comuni etc., in Samnium   V, p. 273 (not.).

1278

22 aprile

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Era morto testè Filippo Leone Bagot, lasciando un figlio minorenne, Simonetto. Questi domandava che, in regime di baliato, gli fossero assegnati il castello di Altavilla e le terre in Aversa già del fu proditore Unfredo di Ribursa, dal re concessi a Simone, suo avo. Si ordina che sia contentato.

1278

22 aprile

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- E’ nominato balio [tutore] del minorenne Simonetto Bagot, sig. di Altavilla, un Simone de Algoth.

1278

30 luglio

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Simonetto Bagot, per l'interposta persona del tutore, ricorre al Re contro il giustiziere di Principato, che aveva rifiutato di dargli il possesso del castello di Altavilla, asserendo a torto che non ne aveva pagato il relevio. Constava, invece, ch'egli aveva versato 60 once, su 120 di rendita [cioè la metà rituale] al giustiziere di Terra di lavoro, nella cui giurisdizione ricadevano i beni, posseduti un tempo dal proditore Goffredo di Ribursa. Si ordina al giustiziere di non molestarlo, e di non pretendere altro pagamento da lui.

1284

9 dicembre

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Si comunica at Giustiziere di P. U. che il castello di Altavilla, già concesso a Simonetto Bagot, è passato, per munificenza regia, al milite Angaraimo de Assoumville, col servizio militare corrispondente alla rendita di 40 once [due militi] e che al fratello dell'investito, Giacomo, con altrettanta rendita, è concessa la terra di Molinara, insieme con la parte, che la fu Isolda de Molinara possedeva, dei castelli di Montecalvo [P. U.] e Roseto [Capitanata].

1284 - 1285

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 17°/2°, pag. 494, fr. 30

(Filangieri Riccardo)

- (Si comunica al Giustiziere di Principato Ultra che il castello di Altavilla, già concesso a Simonetto Bagot è passato per munificenza re­gia al milite Angaraimo de Assunville col servizio militare e rispondente alla rendita di 40 once e che al fratello dell’investito Giacomo con altrettanta rendita è concessa la terra di Molinara insieme con la parte che la fu Isalda di Molinara possedeva dei castelli di Montecalvo nel Principato e di Roseto in Capitanata). Dat. die IX decembris XIII ind. (Reg. 13,f. 171 t.).

Fonti: De Lellis, Notam. I, f. 715 in Ms. Scandone, f. 10; Chiarito, l.c.; Scandone,

I comuni di Principato U. etc, in « Samniun, » V, p. 274.

1284 - 1285

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 27°/2°, pag. 500, fr. 68

(Filangieri Riccardo)

(Rex Carolus donat Angaraimo de Assuamille terram Altaville quam tenuit qd. Simon Bagoth mil. et Iacobo de Assuamille terram Molinarie et partes que fuerunt qd. Isolde de Molinaria possidebat in Montecalvo et Roseto). Dat. die IX decembris XIII ind. (Reg. 6, f. 65 t.).

Fonti: Ms. Bibl. Brancacciana di Nap., 11, F, 13, f. 81 t., II num.; Scandone, Zibal- done, ms., f. 9; id., I comuni, cit., in «Samnium », XXIV, p. 111; Giustiniani, o.c., I, p. 140 e III, p, 162.

1284 - 1285

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 28°, pag. 71, fr. 50

(Filangieri Riccardo)

- Si ha notizia che nel 1285 la tassa della generale sovvenzione per la terra di Altavilla è di once 23, tarì 10 e grani 0

Fonti: Scandone, Zibaldone di notizie per la provincia di Avellino, ms.

1289

novembre

Scandone Francesco

“I Comuni del Principato Ultra”

SAMNIUM . 4 – 1932 – pagg. 272-274

- Con istrumento, stipulato da Giovanni, notaio di Altavilla, alla presenza del concittadino, e giudice, Tommaso di Calvo, e sottoscritto dai testimoni Nicola de Berardo, e Berardo de Maffei, la nobile Sibilla, consorte del nobile Tommaso di Antonio de Morrone, e signora del feudo, detto Fragnito, dà in fitto a Pietro de Archipresbitero un pezzo di terra nelle pertinenze di Altavilla, in contrada “ad burbintore” con altre terre vicine, ed una casa.

1289 - 1290

Registri della Cancelleria Angioina – Vol. 32°, pag. 34, fr. 188

(Filangieri Riccardo)

- Si ha notizia che la tassa per la terra di Altavilla è di 1 oncia, 24 tarì, grani 2.

Fonti: Scandone, Ms Zibaldone etc. tra le notizie riguardanti Altavilla.

1384

16 maggio

Scandone Francesco

“Documenti per la storia dei comuni dell’irpinia” - Vol. II - Montefusco e la sua montagna – Amm.ne Prov.le di Avellino 1964

Reg. Ang. 1384, n. 360, f. 50.

Matteo de Marra, sig. di Serino e di Montoro viene creato capitano ad iustitiam et ad guerram terrarum Montisfusculi cum casalibus, Ceppalonii, Fossecece, Roccepasserane, Petrae Strumilie, S. Angelis de Scalis, Cripte Castagnare, Altaville, Tufi, Prate, Montis Fredani, Atripaldi, Casalis Montisvirginis cum hospitali, Merculiani, Montis Fortis, Furini, Solofre, Serini, Serpici, Vulturarie, Montelle, Balneoli, Cassani, Castri Francorum, Montis Marani, Castri Veteris, Sancti Magni [ = S. Mango sul Calore], Crusani [Chiusano], Candide, Montis Falzoni, Montis Militum, Serre cum Salsa, Montis aperti et Abellini de provincia principatus ultra ... Lauri ... Bayani, Avellorum de provincia terre laboris provisio pro eius gagiis.

Riassunto nel DE LELLIS, Notam. VII, p. 170.

La Reggente nelle istruzioni che inviava al de Marra raccomandava di usare moderazione e clemenza verso i ribelli (Reg. Ang. 1. c. fol. 51).

 LOGOridotto